Gloria Forever: Tozzi porta Mont’Alfonso sulle stelle

SCRITTO DA ANDREA COSIMINI
 CULTURA
 21 AGOSTO 2022

Settant’anni e non sentirli. Umberto Tozzi è irriducibile, come la sua musica.

Certe sue canzoni sono immortali, fissate per sempre nel firmamento della canzone d’autore italiana. Gloria, Ti amo, Si può dare di più, Gente di mare, Tu, Stella stai non sono classici, sono pietre miliari.

Il suo concerto a Castelnuovo era molto atteso dopo il rinvio per maltempo dei giorni scorsi. Stavolta le nuvole minacciose hanno deviato il loro corso, concedendo a migliaia di spettatori di godere finalmente del proprio artista. Pubblico variegato per questo ultimo appuntamento del festival “Mont’Alfonso sotto le stelle” in Fortezza: uno spaccato generazionale che la dice lunga su quanto questo autore abbia inciso nella cultura di massa del suo tempo.

Prima dell’esibizione, il sindaco Andrea Tagliasacchi ha voluto fare un doveroso applauso all’organizzazione e allo staff della PRG, ringraziando gli sponsor e tutti i volontari che hanno prestato servizio per la riuscita del festival.

Poi le luci sul palcoscenico sono calate, ed è iniziata la magia.

Un successo dietro l’altro: il cantautore torinese, accompagnato sul palco dall’affiatatissima band, ha ripercorso tutta la sua lunga carriera, costellata di brani storici che la platea non ha smesso un minuto di cantare. Per partire Notte Rosa ed Equivocando – giusto per rompere il ghiaccio – poi i telefonini si sono accesi per accompagnare la struggente Ti amo e un mare di luci ha invaso l’enorme prato.

Il colpo d’occhio: stupendo.

Quindi qualche intramontabile canzone del repertorio: da Gli innamorati a Io camminerò, quest’ultima intonata a squarciagola dai fedelissimi fans presenti. E, a questo punto, Umberto Tozzi si è seduto, il gruppo ha lasciato la scena, ed è rimasto solo lui con la sua chitarra acustica. “Ho cominciato come chitarrista autodidatta – ha raccontato al microfono – e agli inizi suonavo con gli amici sulle panchine della mia Torino. Ho avuto la fortuna di vivere in un periodo storico della musica mondiale privilegiato”. E via con un medley amarcord che ha omaggiato Simon & Garfunkel (The sound of silence) e Lucio Battisti (I giardini di marzo).

Da brividi.

Si può dare di più ha dato la carica per il rush finale. Irresistibile la voglia di alzarsi in piedi e di ballare. C’è chi ha ceduto su Gente di mare, chi su Io muoio di te, chi – eroico – ha aspettato fino a Tu, poi, però, anche il più cinico si è alzato in piedi sulle note travolgenti di Stella Stai e di Gloria

Un finale col botto per gli appuntamenti in Fortezza. Ora il festival si sposterà al Teatro Alfieri per recuperare Le Quattro Stagioni di Vivaldi, con l’Orchestra da Camera Fiorentina, e chiuderà in bellezza con l’omaggio teatrale di Stefano Accorsi a Ludovico Ariosto. 

Non vediamo l’ora.

Foto di Andrea Cosimini

clicca qui sotto per vedere tutte le foto:

https://www.lagazzettadiviareggio.it/cultura/gloria-forever-tozzi-porta-montalfonso-sulle-stelle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.