La sorprendente historia de “Claridad”, el hitazo de Menudo que volvió con todo en la serie “Súbete a mi moto”: el relato de uno de sus autores

Oscar Gómez convirtió la psicodélica versión original en una canción de amor torturado y un hit inoxidable que ahora regresa después de 40 años

Por Daniel Riera

21 de Octubre 2020 · 15:51hs

Imagen

Si viste o estas viendo Súbete a mi moto, habrás observado que hay una canción que se repite prácticamente en todos los capítulos, no importa cuál sea la formación de Menudo. Se trata de “Claridad”, un hitazo irresistible de 1980 que hoy vuelve con todo de la mano de la serie de Amazon Prime. Esta es la versión más reciente, subida anteanoche, lunes 19 de octubre, a YouTube.  

Claridad en Súbete a mi moto

“Claridad” es la versión en español de “Stella Stai”, una canción que el italiano Umberto Tozzi escribiera con su productor y coequipier Giancarlo Bigazzi. La versión original del tema, en italiano, había tenido un reverdecer en 2019, cuando fue incluida en una película de la saga del hombre araña: Spider Man: far from home. Más allá de que la melodía del tema es potente e irresistible -digamos que exactamente a mitad de camino entre el rock y el pop- la letra original del tema es una especie de jerigonza psicodélica agradable al oído, pero sin mayor sentido. Veamos, por ejemplo, esta frase: “Colorando un figlio si può, dargli i tuoi occhi se no, se no che torno a fare a questa porta” (Coloreando un hijo se puede, darle tus ojos, si no, si no que hago otra vez en esta puerta). O esta otra: “Ciao Canadà, te ne vai in bicicletta che non sa darmi altro che guai” (Adiós Canadá, te vas en bicicleta que no sabe darme más que problemas). En otro artículo sobre Stella Stai/ Claridad, el periodista peruano Michael Zárate cuenta que el locutor italiano Luca Viscardi se acercó a Tozzi 30 años después de publicada la canción al solo efecto de preguntarle qué quería decir. “Umberto me ha confesado que un verdadero significado no hay. Es algo hermoso porque finalmente he podido descartar la idea de que yo era muy estúpido por no comprender la letra de una canción”.

Stella Stai, el original en italiano de Umberto Tozzi

“Todas las canciones de ellos son frase coloristas, sueltas. Ellos juegan con imágenes”, cuenta a BigBang el músico y productor cubano Oscar Gómez, autor habitual de las letras en español de Tozzi, y autor, por ende, de la letra de Claridad que grabaran Menudo y el propio Tozzi, en español. Por entonces, (fines de los 70, principios de los 80) Tozzi era una especie de fábrica de hits. 

-Con Umberto hice como 40 adaptaciones de varios álbumes. Fue una época muy linda de trabajo, porque además el productor de Umberto, Giancarlo Bigozzi, era un compositor enorme, con un sentido  del humor magnífico. Y a lo largo de estos 30 años me han dado muchas satisfacciones las letras que escribí. Gloria me la han pedido muchas veces, y ahora Claridad vuelve, con lo cual me da mucho gusto.

Claridad, por Umberto Tozzi

-La letra en español de Claridad no tiene nada que ver con la original. No se trata de una traducción, sino de una canción nueva con la misma melodía. 

-Así es -concede Gómez- Siempre me sentí muy libre para hacer lo que quiera con las canciones de Tozzi, y casi todas las versiones en español que hice no tienen nada que ver con el original, salvo “Ti amo”, tal vez…ImagenOscar Gómez, autor de la letra en español del hitazo “Claridad”.

Claridad

Ven claridad llega ya
Amanece de una vez claridad
Por piedad mata sombras
Dame luz, resplandor, libertad
Para no soñarla más, no ya no, nunca mas
Que vuelvo a su esclavitud
Ah, ah que vuelvo a su esclavitud
Ven claridad, quédate y no vuelvas a escapar
No te lleves el sol que no quiero recordar
Su figura su voz cada noche que paso
Como ayer, como hoy
Que vuelvo a su esclavitud
Ah, ah que vuelvo a su esclavitud
Si, si, si ,si, si, si, si
Ven claridad, llega ya trágate la oscuridad
Llega ya, vuela ya que el soñar me va a matar
Basta ya de esperar de la misma forma
Si necesito tu luz
Que vuelvo a su esclavitud
Ah, ah que vuelvo a su esclavitud
Coloreando el cielo de azul
Me siento un poco mejor, mejor
Llena mi ventana de luz
Se desdibuja su amor…

-Usted la convirtió en una especie de canción de amor torturado…

-Claro. El tipo está en la oscuridad pero está feliz, quiere que venga la claridad para que lo que lo saque de la oscuridad. Es una súplica de que venga el sol de una puta vez y que se termine esta mierda (risas)…

-Es una canción que dice cosas terribles con una melodía alegre… “Que vuelvo a su esclavitud”…

-A lo mejor ese es uno de sus secretos (risas)… Es una buena canción, la armonía es muy bonita. Tengo una canción grabada con Albert Hammond, Fantasma, que tiene la misma temática: un tipo que está enganchado con una mujer que le está jodiendo la vida…  Para que nadie se enoje, le aclaro que puede pasar lo mismo, pero al revés: también le puede ocurrir eso a una mujer con un tipo…

-¿Usted tuvo trato con los Menudo y con su mánager Edgardo Díaz?

-En el año 1973, mucho antes de que existiera Menudo, yo armé con un grupo que se llamaba Laredo, un disco basado en los Versos sencillos del poeta José Martí. Por entonces Edgardo era un muchacho muy joven que empezaba a moverse en el mundo de la música. Ese disco llegó a sus manos y se vino desde Puerto Rico a Madrid y nos armó una gira que fue un gran éxito. Edgardo compró los conciertos y nos pagó muy bien. Después le perdí el rastro. Cuando él decidió grabar “Claridad” con Menudo no fue a instancias mías, no hizo la gestión conmigo. El grabó Claridad “motu proprio”, no fue una cosa que yo le dije, pero se la agradezco, porque la versión de Menudo es un éxito recordado en muchos países.

Claridad, por Menudo

-Y ahora vuelve después de 40 años…

-Gracias a las plataformas de streaming, estamos enfrentado un nuevo momento para la música. Es algo muy bueno para  la comunidad de autores que hemos sufrido tanto con la piratería. Ahora que el mundo de la música se ha globalizado, una canción que subas a las redes puede ser un éxito en cualquier país del mundo…. Es fantástico y nos abre puertas para que piensen en ti y te abran puertas para nuevas producciones como músico, como compositor. La serie de Menudo se ha convertido en una llave maestra para mí que si la sé utilizar me dará muchas satisfacciones, no sólo con mis viejas canciones, sino que también me dará posibilidades de hacer nueva música. Se nos compensan 20 años de penurias.

https://www.bigbangnews.com/show/la-sorprendente-historia-de-claridad-el-hitazo-de-menudo-que-volvio-con-todo-en-la-serie-subete-a-mi-moto-el-relato-de-uno-de-sus-autores-2020102112560

Alfredo Cerruti visto da Pizzi. Le foto d’archivio con Carrà, Tozzi e Venier

È morto il fondatore e voce del gruppo degli “Squallor”, Alfredo Cerruti. È stato anche produttore discografico, attore e autore tv. Aveva fondato gli Squallor nel 1971 con Bigazzi, Pace e Savio; in epoca di canzoni impegnate gli Squallor proponevano motivi decisamente trash. Cerruti era nato a Napoli il 28 giugno 1942. Aveva avuto anche una relazione con Mina a metà degli anni Settanta e aveva collaborato con molti personaggi noti tra cui Renzo Arbore.

“Starà nei cieli a guidare la sua Volante”, ha detto proprio un Renzo Arbore profondamente addolorato e commosso per la scomparsa dell’amico di una vita Alfredo Cerruti, tra gli autori di Indietro Tutta!, ricorda all’Ansa uno dei tormentoni mitici della tv degli anni ’80 dovuti all’estro del produttore napoletano. “Aveva un talento incredibile nello scovare gli altri talenti: persone come Gigliola Cinquetti o i Pooh furono sue scoperte”, prosegue Arbore che sottolinea l’importanza di Cerruti come discografico e non solo come televisivo. “È stato un grande direttore artistico alla Cbs, alla Cgd e poi alla Ricordi”, aggiunge ricordando anche il gruppo degli Squallor per cui divenne celebre, “canzoni che dissacranti era dir poco” ma che nella cultura degli anni ’70 esprimevano libertà. “Per lo sketch del professor Pisapia mi telefonò un giorno – racconta ancora Arbore – Giuliano Pisapia, che poi è stato sindaco di Milano. Per le scale dell’Università Statale lo sbeffeggiavano: ‘chiamo io o chiama lei?’ e mi pregò di cambiare nome al personaggio”.

Ecco una selezione di foto dall’archivio di Umberto Pizzi per ricordarlo.

(c) Umberto Pizzi – Riproduzione riservata

clicca per vedere l’intero articolo:

https://formiche.net/gallerie/alfredo-cerruti-foto-archivio-pizzi/

Royal Albert Hall, luogo magico che profuma di musica

Royal Albert Hall, luogo magico che profuma di musica


C’è un luogo magico nel prestigioso quartiere londinese di South Kensington costruito e concepito per la musica: la Royal Albert Hall.https://tpc.googlesyndication.com/safeframe/1-0-37/html/container.html

Costruita in epoca vittoriana, la Royal Albert Hall nel corso degli anni ha ospitato una miriade di concerti di tutti i generi musicali, anche se il pop e il rock l’hanno sempre fatta da padroni.

La lista di stelle di prima grandezza che si sono esibite qui è lunghissima. Ve ne diciamo solo alcuni: Led Zeppelin, Queen, Dire Straits, Jimi Hendrix, Bob Dylan, BB King, Cream, Deep Purple, David Gilmour, Elton John solo per citarne alcuni. Inoltre la Royal Albert Hall di Londra può vantare di essere l’unico luogo in cui Beatles e Rolling Stones hanno suonato allo stesso concerto, nel 1963.

Eric Clapton ci ha suonato più di 200 volte, tanto da paragonare l’esperienza a “suonare in salotto”. La sua prima esibizione risale al dicembre del 1964, con gli Yardbirds, seguita poi da diversi concerti con i Cream e da solista. Il live numero 200 risale al 2015.

Nutrita anche la schiera di artisti italiani che hanno avuto l’opportunità di suonare alla Royal Albert Hall: Luciano Pavarotti, Tiziano Ferro, Umberto Tozzi, Il Volo, Ligabue, Laura Pausini, Claudio Baglioni e Zucchero Fornaciari, che vi ha suonato per ben sei volte dal 2004 ad oggi.

Il fascino di questa sala da concerti trae origine dalla sua storia e tradizione: nel 1851 il consorte della regina Vittoria, il principe Alberto, concepì la sua costruzione, ma non ebbe modo di vederla realizzata. Morì infatti nel 1861, dieci anni prima della sua inaugurazione. In principio il nome dell’edificio sarebbe stato Central Hall of Arts and Sciences, ma la Regina Vittoria optò per il nome attuale, in memoria del marito scomparso.

L’opera venne portata caparbiamente a compimento dagli ingegneri di corte, che presero spunto dall’architettura degli anfiteatri romani. La posa della prima pietra avvenne nel 1867, l’inaugurazione nel 1871, alla presenza della regina Vittoria.

Il progetto originale prevedeva una capienza di 30.000 posti, che vennero ridotti a 7000 per ragioni economiche. Oggi la capienza risulta ulteriormente ridotta (5500 posti) per motivi di sicurezza.

L’edificio è a pianta ovale e misura 82 metri per 71 e 41 in altezza ed è costruito con sei milioni di mattoni rossi, sormontati da una cupola inizialmente in ferro e vetro, poi in alluminio.

Il giorno dell’inaugurazione si scoprì che la copertura provocava una fastidiosa eco: fino al 1969 la musica, in pratica, si sentiva due volte. A questo problema si pose rimedio installando del materiale isolante che ne migliorò l’acustica, per l’imponente cifra di due milioni di sterline.

Il centro della scena è tutto dedicato al grande organo, che all’epoca della sua costruzione era il più grande d’Europa, con i suoi centoundici registri e le canne di 32 piedi reali.

Dal punto di vista economico, la Royal Albert Hall è mantenuta da una fondazione che si autofinanzia, senza alcun aiuto di Stato. Fino al 1985 chi lavorava alla Royal Albert Hall a Kensington era volontario e non veniva pagato, ricevendo in cambio biglietti gratuiti per gli eventi.

La sospensione degli eventi live a causa della pandemia di Covid-19 ha messo in serie difficoltà l’equilibrio finanziario della Hall.

Oltre ai concerti la Royal Albert Hall ha ospitato eventi di beneficenza, premiazioni, e perfino balli reali per incoronazione di monarchi. Ogni anno il Cirque du Soleil propone i suoi spettacoli a partire dal 2003. C’è spazio anche per lo sport: la Royal Albert Hall ospita un suggestivo torneo di tennis riservato a vecchie glorie della racchetta, l’ ATP Champions Tour Masters.

  Salvatore Leo – Onda Musicale

by: https://www.ondamusicale.it/index.php/musica/21949-royal-albert-hall-luogo-magico-che-profuma-di-musica

I love my radio: è “Albachiara” la canzone più amata dagli italiani

Si è concluso il sondaggio lanciato dalle radio italiane che ha omaggiato i 45 anni della radio indipendente italiana.

APPROFONDISCI:   Scheda artistaTour&ConcertiTesti

I love my radio: è "Albachiara" la canzone più amata dagli italiani
Riproduci Vasco Rossisu Amazon Music Unlimited (ad)

Lo scorso 18 maggio un pool di 17 emittenti italiane – per festeggiare i 45 anni dalla nascita della prima radio libera nel nostro Paese – lanciò il format ‘I love my radio’ invitando gli ascoltatori a scegliere quale fosse, a parer loro, la canzone italiana più rappresentativa dal 1975 al 2019 compreso, indicando la canzone da un elenco di brani preselezionato, una per ogni anno a partire, per l’appunto, dal 1975.

Ieri sera è stato svelato il nome della canzone vincitrice, questa è “Albachiara” di Vasco Rossi. Il brano venne pubblicato dal cantautore emiliano sul lato B dell’album “Non siamo mica gli Americani” il 30 aprile 1979. Praticamente da sempre “Albachiara” è il brano che chiude i concerti di Vasco. Il Kom prese spunto per la sua composizione da una melodia composta dallo scomparso Massimo Riva, mentre il testo gli è stato ispirato da una ragazzina che vedeva passare dalla finestra di casa.

Il podio del maxi sondaggio è stato completato da “A te” di Jovanotti, che ha occupato la seconda posizione mentre al terzo posto si è posta “La donna cannone” di Francesco De Gregori.

A seguire l’elenco dei brani:

1975 Claudio Baglioni – Sabato Pomeriggio

1976 Riccardo Cocciante – Margherita

1977 Umberto Tozzi – Ti Amo

1978 Lucio Battisti – Una Donna Per Amico

1979 Vasco Rossi – Albachiara

1980 Gianni Togni – Luna

1981 Franco Battiato – Centro Di Gravità Permanente

1982 Loredana Bertè – Non Sono Una Signora

1983 Francesco De Gregori – La Donna Cannone

1984 Antonello Venditti – Notte Prima Degli Esami

1985 Eros Ramazzotti – Una Storia Importante

1986 Lucio Dalla – Caruso

1987 Zucchero – Senza Una Donna

1988 Massimo Ranieri – Perdere L’amore

1989 Raf – Ti Pretendo

1990 Pooh – Uomini Soli

1991 Pino Daniele – Quando

1992 Luca Carboni – Mare Mare

1993 Laura Pausini – La Solitudine

1994 883 – Come Mai

1995 Ligabue – Certe Notti

1996 Articolo 31 – Domani

1997 Nek – Laura Non C’è

1998 Biagio Antonacci – Quanto Tempo E Ancora

1999 Luna Pop – 50 Special

2000 Tiromancino – Due Destini

2001 Elisa – Luce (Tramonti A Nord Est)

2002 Daniele Silvestri – Salirò

2003 Giorgia – Gocce Di Memoria

2004 Tiziano Ferro – Sere Nere

2005 Negramaro – Estate

2006 Gianna Nannini – Sei Nell’anima

2007 Fabrizio Moro – Pensa

2008 Jovanotti – A Te

2009 Malika Ayane – Come Foglie

2010 Cremonini E Jovanotti – Mondo

2011 Fabri Fibra – Tranne Te

2012 Arisa – La Notte

2013 Marco Mengoni – L’essenziale

2014 Fedez Ft Francesca Michielin – Magnifico

2015 Baby K & Giusy Ferreri – Roma Bangkok

2016 Max Gazzè – Ti Sembra Normale

2017 Francesco Gabbani – Occidentali’s Karma

2018 Thegiornalisti – Questa Nostra Stupida Canzone D’amore

2019 Mahmood – Soldi

Riproduci Vasco Rossisu Amazon Music Unlimited (ad)

by: https://www.rockol.it/news-717382/i-love-my-radio-vince-albachiara-di-vasco-rossi-poi-a-te-di-jovanotti

Marco Masini – La Parte Chiara (Radio Date: 09-10-2020)

Marco Masini - La Parte Chiara (Radio Date: 09-10-2020)

MARCO MASINI
DA VENERDÌ 9 OTTOBRE IN RADIO
“La parte chiara”
contenuto nell’album
“MASINI +1, 30TH ANNIVERSARY”

Da venerdì 9 ottobre sarà in radio “LA PARTE CHIARA”, singolo che sarà accompagnato dal videoclip con la regia di Stefano Salvati.

Il brano è contenuto nell’album “MASINI +1, 30TH ANNIVERSARY” (https://SMI.lnk.to/Masini_30Anniversary), perfetta celebrazione di 30 anni di musica di Marco Masini, un artista capace di raccontare il mondo senza retorica, con un linguaggio estremamente diretto ed espressivo unito a una sensibilità toccante ed empatica, che arriva dritta al cuore delle persone.
Nell’album sono contenuti, 15 grandi successi dell’artista reinterpretati con colleghi e amici e 4 brani inediti, tra cui il singolo presentato all’ultimo Festival di Sanremo, “Il confronto”.

Alcuni dei più importanti artisti del panorama musicale italiano hanno deciso di festeggiare con Marco la sua fantastica carriera, prestando le loro voci e duettando con lui nel disco: Eros Ramazzotti, Giuliano Sangiorgi, Ermal Meta, Umberto Tozzi, Ambra Angiolini, Luca Carboni, Francesco Renga, Modà, Nek, Gigi D’Alessio, Jovanotti, Annalisa, Bianca Atzei, Giusy Ferreri, Fabrizio Moro, Rita Bellanza.

Questa la tracklist di “MASINI +1, 30TH ANNIVERSARY” (Sony Legacy): Il confronto (inedito); La parte chiara (inedito), Non è così (inedito); Disperato – feat. Eros Ramazzotti; Ci vorrebbe il mare – feat. Giuliano Sangiorgi; Cenerentola innamorata – feat. Ermal Meta; Perché lo fai – feat. Umberto Tozzi; Ti vorrei – feat. Ambra Angiolini; Vaffanculo – feat. Luca Carboni; T’innamorerai – feat. Francesco Renga; Bella stronza – feat. Modà; Principessa – feat. Nek; Lasciaminonmilasciare – feat. Gigi D’Alessio; L’uomo volante – feat. Jovanotti; Io ti volevo – feat. Annalisa; Che giorno è – feat. Bianca Atzei; Spostato di un secondo – feat. Giusy Ferreri; Tu non esisti – feat. Fabrizio Moro; Fra la pace e l’inferno (inedito) – feat. Rita Bellanza.

Nel 1990 usciva nei negozi “Marco Masini”, l’omonimo primo album dell’artista toscano che nel corso degli anni ha pubblicato undici album in studio rimasti nel cuore degli italiani. Indimenticabili anche singoli come “T’innamorerai”, “Bella Stronza”, “Ci vorrebbe il mare”, “L’uomo volante”, “Raccontami di te” o, ancora, “Spostato di un secondo”, brano con cui ha partecipato al Festival di Sanremo nel 2017.

www.marcomasini.it

by: https://www.earone.it/news/marco_masini_la_parte_chiara_radio_date_09_10_2020_45222600/

Umberto Tozzi dal vivo a dicembre con Songs

Speciali concerti in acustico a Torino, Bologna e Milano


ANSA) – ROMA, 02 OTT – Tornare a incontrare dal vivo il proprio pubblico, dopo questi lunghi mesi in cui il mondo intero è rimasto sospeso, e fare un piccolo passo per far ripartire la musica. Umberto Tozzi torna live a dicembre con dei concerti speciali intitolati “Songs” nei teatri di alcune delle principali città italiane, iniziando con 3 appuntamenti nella sua città, Torino, per poi arrivare anche a Bologna e Milano.

Songs” sarà anche un importante debutto per Umberto Tozzi: per la prima volta in 45 anni di carriera porterà in giro uno show completamente acustico. Il pubblico avrà la possibilità di ascoltare i suoi più grandi successi e alcune canzoni che non sono mai state eseguite in concerto, chicche del suo repertorio, recuperate per l’occasione, a cui verrà data una nuova veste acustica.

Queste le prime date del tour: 4 dicembre: Torino – Teatro Colosseo; 5 dicembre: Torino – Teatro Colosseo; 6 dicembre: Torino – Teatro Colosseo; 14 dicembre: Bologna – Europauditorium; 17 dicembre: Milano – Teatro Dal Verme. (ANSA).
   

“SONGS”

Umberto Tozzi Official

Umberto Tozzi : torna dal vivo a dicembre con “Songs”, dei concerti speciali in acustico nei teatri di alcune delle principali città italiane!04 dicembre: Torino – Teatro Colosseo 05 dicembre: Torino – Teatro Colosseo 06 dicembre: Torino – Teatro Colosseo 14 dicembre: Bologna – Europauditorium 17 dicembre: Milano – Teatro Dal Verme🎟 Biglietti in prevendita dalle ore 16:00 di lunedì 5 ottobre su TicketOne e nei punti vendita abituali dalle ore 11:00 di lunedì 12 ottobre

L'immagine può contenere: 1 persona, il seguente testo "UMBERTO TOZZI DICEMBRE 2020 04 TORINO TEATRO COLOSSEO 05 TORINO TEATRO COLOSSEO 06 TORINO TEATRO COLOSSEO 14BOLOGNA EUROPAUDITORIUM songs MILANO TEATRO DAL VERME HENKEUINEL MOMY PRDCUIGMINESA"

Il grande evento finale di #ilovemyradio2020

♦️Quando: domenica 11 ottobre ore 21
♦️Dove: in diretta su tutte le #radioitaliane aderenti
♦️Come: senza interruzione pubblicitaria
Sintonizzati con l’evento degli eventi sulle piattaforme delle emittenti: radio Fm e DAB, tv, streaming audio e video sui siti e app e sui canali social di Facebook, Instagram e YouTube
RTL 102.5

-RDS 100% Grandi Successi

-Radio Deejay

-Radio Italia solomusicaitaliana

-Radio 105

-Radio KissKiss

-Rai Radio2

-Radio24

-R101

-Radio Subasio

-Radio Capital

-Radio Monte Carlo

-Radiofreccia

-Radionorba

-Radio Bruno

-Radio Zeta