Esce “Alma”, il nuovo album dal rigoglioso sound di Enrico Ruggeri: una primaverile rinascita di melodia e racconto musicale

Esce “Alma”, il nuovo album dal rigoglioso sound di Enrico Ruggeri: una primaverile rinascita di melodia e racconto musicale

Enrico Ruggeri, che si mette in gioco con un album di inediti innovativo e narrato, condito da sonorità rock e cantato. Si esibirà in concerto a partire dal 4 aprile 2019, al teatro Mascagni di Chiusi, mentre l’ultima data del tour è prevista per il 24 maggio al Teatro Colosseo di Torino. Farà tappa a Milano l’11 Maggio, alFabrique, per la sua penultima esibizione.

“E le nostre vite cambiano, come lacrime nella pioggia” canta Ruggeri nella canzone di apertura del suo nuovo album “Alma”, disponibile per il saldo e fedele pubblico rouge dal 15 marzo 2019. , rispetto alle scorse esperienze da solista, con una voce più definita, sicura e profonda, che dopo tanti anni non smette di sorprendere.

Il prossimo tour, tutto italiano, ha già messo in trepidazione i fan più accaniti di Enrico Ruggeriper la sua natura ambivalente.

Da un lato, si avrà modo di assistere a un tour acustico nei teatri di Chiusi (Siena), Pozzo di Gotto (Messina), Bolzano, Sondrio e Torino. Dunque si parla di un percorso nei teatri, di una scelta ormai già molto amata e vagliata per i concerti da diversi artisti del calibro di Umberto Tozzi e Ermal Meta: quest’ultimo infatti, fra i diversi impegni professionali, a breve si accinge a chiudere il proprio tour nei teatri e, in aggiunta, ha anche contribuito ad Alma con un featuring accanto a Enrico nella canzone “Un pallone”.

Esce "Alma" il nuovo album di Enrico Ruggeri

Dall’altro lato, invece, si potrà vedere Ruggeri impegnato in un tour elettrico in diversi locali a Ponte Dell’Olio (Piacenza), Lecce, Brescia e Milano. Ed è lo stesso artista a dichiarare su Facebook la sua trepidazione per il nuovo tour con i compagni musicisti: “Non vedo l’ora di suonare dal vivo le nuove canzoni: alterneremo concerti acustici nei quali valorizzeremo testi e parte compositiva e set elettrici per evidenziare il mio “nuovo suono” “.

Enrico Ruggeri sarà affiancato da Davide Brambilla (fisarmonica e tromba), Francesco Luppi (pianoforte e tastiere) e Paolo Zanetti (chitarra) durante il tour acustico. Francesco Luppi (pianoforte e tastiere), Paolo Zanetti (chitarre), Fortu Sacka (basso) e Alessandro Polifrone (batteria) lo seguiranno invece nel tour elettrico.

Il nuovo suono, di cui parla Ruggeri, si avverte subito nel neonato album. Nelle undici track di “Alma” infatti si scorge davvero una rinnovata primavera: se la prima traccia “Come lacrime nella pioggia”, scritta dal figlio Pico Rama, accenna appena all’asprezza del cambiamento della vita e ai confini del pensiero spirituale, con un ritmo ben scandito, duro e penetrante che fende l’orecchio dell’ascoltatore a colpi di batteria.

Invece nel secondo brano “Il costo della vita”  ci si trova travolti dalla forza della realtà, che si stempera in un’opposta atmosfera astratta e allo stesso tempo speranzosa: parole come “contanti”, “moneta”, “costo della vita”, “via d’uscita”, “abbaglio” si alternano a voci più fantastiche come “rondini”, “voglia indefinita”, “camminare”, “confondersi” e “dimenticare”, e sono contornate da sonorità e cori orientaleggianti che si confondono con le note più pop ed elettroniche.

La track “Un pallone”, cantata con Ermal Meta, si distanzia dalle altre canzoni di Alma per il suo contenuto: narra la storia Iqbal Masih, un ragazzo pakistano di dodici anni, costretto a lavorare e a produrre tappeti, anziché giocare a pallone come i giovani della sua età in altri paesi. La tematica del lavoro minorile viene raccontata con il sottofondo della chitarra elettrica, gli accordi feriscono piano le menti uditrici e i tagli delle mani di Iqbal diventano presto i nostri.

Ma subito, a spezzare la malinconia, sullo sfondo narrante della bella voce rock di Ruggeri si alterna il canto armonioso di Meta, che partecipa alla creazione della trama del brano, richiamante le sue tanto amate atmosfere orientali.

In Alma, si susseguono poi brani più rock, cadenzati e misteriosi, composti con la collaborazione di Capeccia e Muzio dei Decibel. É il caso di “Cuori infranti”, traccia dai toni nostalgici con parti coreutiche soavi e momenti più grintosi, spiegati dalla forza della tastiera, della chitarra e della batteria, con i quali Ruggeri omaggia ancora una volta David Bowie, in un nascosto sottofondo, come già faceva con i Decibel in “Lettera dal Duca”.

Per non parlare poi di “Supereroi”, dal ritmo veloce e dalle sfumature punk e a tratti quasi ska, e infine della sorprendente “Labirinto”, che ci si aspetterebbe di ascoltare in un Lounge Bar piuttosto che in un album di Ruggeri, incredibile per le atmosfere evocate, decisamente oniriche, velate e spensierate, quasi blues, che immergono l’ascoltatore nel pensiero di amori non corrisposti e nella solitudine più profonda, il cui tormento viene espresso dal flicorno di Davide Brambilla, che chiude il brano in modo discendente, con un inaspettato e penetrante assolo.

Esce "Alma" il nuovo album di Enrico Ruggeri

E a proposito di amori tormentati, parte successiva “L’amore ai tempi del colera” che con la più jazz “Cime tempestose” non possono che rimandare a luoghi letterari, a un onirico drink in un club con Marquez o a romantiche liti fra le pianure inglesi con il proprio amante. “Il treno va” e “Il punto di rottura” richiamano più le tipiche canzoni tormentone e i toni del new wave e del pop-rock che ci conducono, fra un salto e l’altro, verso la fine dell’album.

Ruggeri chiude, dopo tanta potenza e vivacità di stili, con la rilassante “Forma 21”, traccia intervallata da cori in lingua cinese, in cui l’autore immagina che il musicista Lou Reed racconti i suoi ultimi momenti di vita mentre, infine, si lascia andare all’esecuzione di un esercizio di Thai Chi chiamato appunto Forma 21.

Così come la copertina, disegnata da Dario Ballantini e ispirata forse ai quadri di Van Gogh per la sua vivacità di colori e la forza delle pennellate, l’album Alma appare vivo e forte, una rinascita di Ruggeri più che una conferma, un ruggito che fiorisce dalla fine dell’inverno nella pioggia primaverile e si espande in echi di diversi generi musicali con tutta la sua reale pienezza. Come lacrime nella pioggia.

Informazioni Utili 

L’ultimo album di Ruggeri, registrato live in presa diretta all’Anyway Studio, è già disponibile nei negozi, in digital download e sulle principali piattaforme streaming.

https://www.nerospinto.it/esce-alma-il-nuovo-album-dal-rigoglioso-sound-di-enrico-ruggeri-una-primaverile-rinascita-di-melodia-e-racconto-musicale

 

Annunci
Pubblicato in News | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

SOLD OUT PER IL CONCERTO DI UMBERTO TOZZI QUESTA SERA A CHARLEROI (Belgio)

Palais des Beaux Arts, Charleroi
vendredi, 15.03.2019 20:00

 

Le chanteur italien Umberto Tozzi sera sur la scène du Palais des Beaux-Arts de Charleroi le 15 mars 2019.

« 40 anni che Ti Amo »
Dans la grande tradition des chanteurs de charme à l’italienne, Umberto Tozzi devient très rapidement, dès les années 70, l’ambassadeur de la musique d’Italie et séduit un large public au-delà des frontières. Il s’est illustré avec des standards tels que ” Gloria” et “Ti Amo“, un de ses succès planétaires.

Le chanteur italien revient cette année avec une nouvelle tournée à l’occasion à l’occasion des 40 ans de son plus grand tube « Ti amo » : Quarant’anni che Ti amo.

Avec plus de 50 millions de disques vendus, Umberto, qui a marqué plusieurs générations par ses chansons, reste une légende de la pop, n’ayant jamais cessé de s’affirmer au fil de sa carrière.

https://www.ticketmaster.be/event/umberto-tozzi-billets/32087?language=fr-be

Pubblicato in News | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Festa dello Splendore, servono più fondi

Grido d’allarme del presidente del comitato organizzatore: «I tradizionali sponsor sono diminuiti»

GIULIANOVA. Lancia un forte grido di preoccupazione Luigi Martinelli, presidente del comitato permanente per l’organizzazione della festa in onore della Madonna dello Splendore del 21 e 22 aprile. La raccolta popolare di fondi condotta dai vari collaboratori ha fatto registrare una sensibile frenata. Si parla di una flessione di circa il 15%. Il che significa che bisognerà stare attenti alle spese in quanto condizionati dalle somme a disposizione. Lo stesso Martinelli sottolinea al riguardo: «Non è un bel momento. Ci sono state chiusure di diverse attività e gli sponsor tradizionali sono purtroppo diminuiti per queste ragioni. In altre parole dico che non esistono più le possibilità di una volta e così dobbiamo stare attenti a non indebitarci oltre le nostre possibilità. Se questo trend dovesse continuare, alla lunga potrebbe verificarsi anche la fine di una festa che rappresenta il più antico appuntamento annuale cittadino. Preciso però che fin tanto ci sarà la presenza di questo comitato qualcosa si farà sempre». Intanto il programma della festa, che verrà condiviso con il parroco don Enzo Manes, è in elaborazione. Punto fermo ad oggi è la presenza della famosa banda di Gioia del Colle che accompagnerà la tradizionale processione del 22 aprile con esibizione anche nel pomeriggio. Ci sarà lo spettacolo piro-musicale al Belvedere e i fuochi d’artificio nei pressi del Santuario dello Splendore. Per il cantante della serata di chiusura, Martinelli avrebbe un sogno, quello di far esibire in piazza Buozzi il gruppo dei Nomadi oppure Umberto Tozzi. «Ma è solo un mio desiderio», aggiunge il presidente, «e qualcosa di certo si potrà sapere non prima di domenica prossima quando incontreremo tre impresari di spettacoli che avanzeranno le loro offerte. Solo in quel momento decideremo concretamente».(al.al.)

http://www.ilcentro.it/teramo/festa-dello-splendore-servono-pi%C3%B9-fondi-1.2177230
Pubblicato in News | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Clicca per partecipare al live acustico di Raf e Umberto Tozzi a Radio Subasio

Raf e Umberto Tozzi: live acustico a Subasio Music Club

Raf e Umberto Tozzi: live acustico a Subasio Music Club

Subasio Music Club arriva una coppia di campioni della musica italiana: Raf e Umberto Tozzi, le loro canzoni sono la colonna sonora della nostra vita.

Lunedì 25 marzo alle 21:00 i due cantautori regaleranno agli ascoltatori di Radio Subasio un’ora di musica dal vivo, in diretta radio, streaming e facebook live, in un esclusivo set acustico. Nello studio di Assisi – davanti ad un pubblico di 40 partecipanti – verranno intervistati da Roberto Gentile e Katia Giuliani.

Reduci dalla partecipazione al 69esimo Festival di Sanremo come super-ospiti, presenteranno alcuni dei loro successi senza tempo, inseriti nell’album “Raf Tozzi” in cui riescono ad esprimere tutta la gioia e l’energia del tornare a fare musica insieme.

Un progetto discografico abbozzato sul palco dell’Arena di Verona in occasione del concerto-tributo di Umberto Tozzi, accompagnato da Radio Subasio nel firmacopie al Mondadori Store di Milano (avvenuto lo scorso 2 dicembre) e anticipato dal singolo inedito, scritto e prodotto da Raf, dal titolo “Come Una Danza”. Il doppio disco raccoglie 34 tracce intramontabili, da “Gloria”, che con i suoi 32 milioni di copie vendute, ha raggiunto i primi posti delle classifiche americane ed è stata inserita in numerose colonne sonore – basti ricordare “Flashdance”, “The Wolf of Wall Street”, “South Park”, “Glee”, “Tonya” – a “Self Control”, uno dei pezzi italiani più famosi di sempre, pubblicato in oltre 21 Paesi nel mondo. Tra gli evergreen “Si può dare di più” – scritto da Giancarlo Bigazzi, Umberto Tozzi e Raf vincitore del Festival di Sanremo 1987 interpretato dello stesso Tozzi con Enrico Ruggeri e Gianni Morandi – “Io camminerò”, “Ti Pretendo”, “Ti Amo”, “Cosa resterà degli anni 80”, “Sei la più bella del mondo”, “Immensamente”, “Io muoio di te”, “Infinito”, tanto per fare qualche titolo.
Presenti anche due bonus track di “Gente di Mare”, scritta nel 1987 da Raf, Giancarlo Bigazzi e Umberto Tozzi ed interpretata dagli stessi Tozzi e Raf, alla sua prima interpretazione di una canzone in italiano. Portato all’Eurofestival, il brano si classificò al terzo posto, rimanendo per 27 settimane nelle classifiche italiane.

Sono soltanto alcuni degli spunti che Subasio Music Club riuscirà a dare … l’obiettivo è conoscere di più e meglio Raf e Umberto Tozzi, le persone, i personaggi ed il loro universo emozionale. Se vuoi vivere una serata indimenticabile, compila il form entro giovedì 21 marzo. Se la tua richiesta sarà confermata riceverai una mail con le indicazioni per partecipare.

clicca qui sotto per riempire il form:

http://www.radiosubasio.it/news/musica/raf-e-umberto-tozzi-live-acustico-a-subasio-music-club/

 

Pubblicato in News | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Live da Mons

Grazieeee Mons!!!

By UmbertoTozziOfficial su FB

 

 

Pubblicato in News | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

SOLD OUT QUESTA SERA PER IL CONCERTO DI UMBERTO TOZZI A MONS (Belgio)

MAR
14
2019
THURSDAY, 20:00

Umberto Tozzi

Théâtre Royal, Mons

Pubblicato in News | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Videoquiz: sai tutto di Umberto Tozzi?

 

Clicca qui sotto:

https://www.lattemiele.com/umberto-tozzi/

 

 

Pubblicato in News | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Festival Rocks&Stars @ Cave Romane: GLAVNE ZVIJEZDE GIBONNI, JOSIPA LISAC I UMBERTO TOZZI

 | Autor: Vanesa BEGIĆ
Gibonni (D. ŠTIFANIĆ)

Festival se svečano otvara 29. lipnja nastupom Četiri tenora u sastavu Đani Stipaničev, Filip Hozjak, Vladimir Garić i Marko Pecotić * Već 7. srpnja nastupaju operni divovi Hrvatskog narodnog kazališta iz Osijeka izvodeći čuvenu Verdijevu operu “Trubadur” u režiji Roberta Boškovića, pod ravnanjem Filipa Pavišića

Festival Rocks&Stars @ Cave Romane, u organizaciji Medulinske rivijere, u ljetnoj sezoni 2019. donosi zanimljive goste.

Spoj raskošne prirodne scenografije starog rimskog kamenoloma u Vinkuranu i osebujnih izvedbi domaćih i stranih umjetnika čine bit ovoljetnog repertoara. Festival se svečano otvara 29. lipnja nastupom Četiri tenora u sastavu Đani Stipaničev, Filip Hozjak, Vladimir Garić i Marko Pecotić, koji su svojim profinjenim glazbenim izričajem oduševljavali publiku na brojnim pozornicama i izvan hrvatskih granica.

Već 7. srpnja nastupaju operni divovi Hrvatskog narodnog kazališta iz Osijeka izvodeći čuvenu Verdijevu operu “Trubadur” koju redateljski potpisuje Robert Bošković, a ravna maestro Filip Pavišić.

Zlatan Stipišić Gibonni nastupa 12. srpnja sa svojim bezvremenim hitovima, dobro iskušanim kombinacijama popa i rocka obojanim Mediteranom. Ljetni intermezzo rezerviran je za humor i stand-up nastup Vlatka Štampara kojeg velika pozornica Cave Romane očekuje 25. srpnja.

Umberto Tozzi, svjetski poznati pop glazbenik izvest će 8. kolovoza svoje poznate hitove “Gente di mare”, “Gloria”, “Tu”, “Ti Amo”, “Gli altri siamo noi”…

Naša kraljica performansa, Josipa Lisac, odvest će 17. kolovoza publiku na glazbeno putovanje prožeto osebujnošću, istinskim glamurom i iznimnim vokalom. Ulaznice su u prodaji na prodajnom servisu eventim.hr i pripadajućim ovlaštenim prodajnim mjestima u sustavu Eventima: Tisak, Tisak Media, Exclusive Change mjenjačnice, Petrol benzinske postaje, Aquarius Records, Croatia Records i brojnim drugim.

https://www.glasistre.hr/lifestle/festival-rocksstars-cave-romane-glavne-zvijezde-gibonni-josipa-lisac-i-umberto-tozzi-583208

Pubblicato in News | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Avviso ai cittadini di Bari

 Avviso ai cittadini

Si comunica che per il concerto di “Raf e Umberto Tozzi” che si terrà il 6 maggio 2019 presso il Palaflorio (ore 19,00/24,00), sono disponibili 8 gratuità (n. 2 disabili più n. 2 accompagnatori e n. 4 disagiati).

Le relative istanze dovranno essere presentate entro e non oltre il 5 aprile 2019.

Per informazioni e per la presentazione delle istanze, rivolgersi agli Uffici del Segretariato Sociale di via Trevisani n. 206 e via Archimede 41/A (lunedì – venerdì dalle 9 alle 12, martedi e giovedì anche dalle 15,30 alle 17).

Sarà data priorità a chi non ha mai usufruito della gratuità.

https://www.comune.bari.it/web/municipio-1/home/-/asset_publisher/a9N6Dn7rOC66/content/avviso-ai-cittadi-5?inheritRedirect=false&redirect=https%3A%2F%2Fwww.comune.bari.it%2Fweb%2Fmunicipio-1%2Fhome%3Fp_p_id%3D101_INSTANCE_a9N6Dn7rOC66%26p_p_lifecycle%3D0%26p_p_state%3Dnormal%26p_p_mode%3Dview%26p_p_col_id%3Dcolumn-1%26p_p_col_count%3D1

Pubblicato in News | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Al Bano nella lista nera dell’Ucraina, ironia social: ‘E Umberto Tozzi?’

Il ministero della Cultura di Kiev ha inserito Albano Carrisi nella black list delle persone considerate una minaccia alla sicurezza nazionale.

Ad Albano Carrisi è costata carissima la stima dimostrata più volte nei confronti del presidente russo Vladimir Putin. L’Ucraina, infatti, in lotta con Mosca ormai da alcuni anni per il predominio sulla regione del Donbass, ha aggiunto il nome del famoso cantante italiano in una lista nera di personaggi sgraditi perché considerati una minaccia per la sicurezza nazionale. Insomma, il mite Al Banosarebbe considerato dal governo di Kiev alla stregua di un pericoloso 007 con licenza di uccidere al servizio dello zar Putin. Roba da ridere, se la notizia non fosse vera e già confermata da tutte le maggiori testate nazionali. Logico che i social si dovessero scatenare con messaggi ironici. Solidarietà al cantante pugliese è subito arrivata anche dalla Politica.
Il senatore Pd Dario Stefàno difende la sua mitezza, mentre il segretario di Rifondazione Comunista, Maurizio Acerbo, attacca “i golpisti ucraini che se la prendono con un noto cantante bolscevico”.

Albano Carrisi minaccia alla sicurezza nazionale ucraina

Da questo momento, dunque, Albano Carrisi è considerato una persona sgradita dal governo filo occidentale dell’Ucraina. Anzi, un vero e proprio pericolo. A decidere di inserire il nome del cantautore di Cellino San Marco nella cosiddetta black list delle persone pericolose è stato il ministro della Cultura, su richiesta del Consiglio di Sicurezza e Difesa nazionale dell’Ucraina, dei servizi segreti di Kiev e anche del Consiglio di tv e radio nazionali.

La reazione ironica dei social network, Acerbo (Rifondazione): ‘Al Bano noto cantante bolscevico’

La notizia dell’inserimento di Albano Carrisi nella lista nera ucraina dei personaggi pericolosi, ha naturalmente suscitato sorrisi beffardi e ironia irrefrenabile tra gli italiani, i quali conoscono fin troppo bene la vera natura del carattere mite del loro beniamino. “L’Ucraina inserisce Al Bano nella lista nera: Minaccia alla sicurezza nazionale. E Umberto Tozzi?”, scrive un certo Pinuccio su Twitter. “Al Bano al 48esimo posto nella lista nera dell’Ucraina, ma al televoto era primo”, ci ride sopra invece Alessio V.

Dario Stefàno

@DarioStefano

Una notizia curiosa. Conosco molto bene , sono certo non potrà mai rappresentare un pericolo per nessuno. Meno che meno per l’. https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/03/11/albano-carrisi-lucraina-lo-inscerisce-nella-lista-nera-e-minaccia-alla-sicurezza-nazionale/5028611/ 

Albano Carrisi, l’Ucraina lo inscerisce nella ‘lista nera’: “È minaccia alla sicurezza nazionale” -…

Albano Carrisi è stato inserito dall’Ucraina nella ‘lista nera’ degli individui considerati una minaccia alla sicurezza nazionale. L’elenco è compilato e aggiornato dal ministero della Cultura in…

ilfattoquotidiano.it

Tra i numerosissimi messaggi social di perfetti sconosciuti, spicca quello di Dario Stefàno, senatore ex Sel, ora eletto nel Pd. “Una notizia curiosa – cinguetta Stefàno interpretando alla perfezione il sentimento della maggioranza degli italiani – conosco molto bene Al Bano, sono certo che non potrà mai rappresentare un pericolo per nessuno. Meno che meno per l’Ucraina”. Anche il segretario nazionale di Rifondazione Comunista, Maurizio Acerbo, solidarizza con Al Bano, stavolta su Facebook, prendendosela con i “golpisti ucraini” che attaccano un “noto cantante bolscevico”.
Pubblicato in News | Contrassegnato , , | Lascia un commento
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: