In diretta da Alife, le prove del concerto


 

Pubblicato in News | Contrassegnato , | Lascia un commento

Stasera concerto di Umberto Tozzi ad Alife

image

Immagine | Pubblicato il di | Contrassegnato , | Lascia un commento

In attesa, Centro Commerciale Da Vinci

image

Immagine | Pubblicato il di | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Stasera Tozzi a Techetechete su Rai 1

Pubblicato in News | Lascia un commento

La grande truffa della sedicente “canzone d’autore”

Mi è capitato di leggere una frase di Francesco Bianconi dei Baustelle, contenuta in un’intervista concessa al blog Pixarprinting.

La frase è questa:

“Io amo De André, un po’ meno il suo pubblico, forse, e chi pensa che la musica popolare buona sia solo quella che in Italia chiamiamo ‘canzone d’autore’”.

Ammetto che mi sono sentito confortato: mi pare di cogliere nelle parole di Bianconi, che non solo io considero uno degli autori italiani più importanti degli ultimi anni, una presa di distanza dalla definizione “canzone d’autore” e soprattutto dall’uso strumentale e autocelebrativo che se ne fa.

Dell’argomento ho discusso più volte, anche in pubblico, con gli amici del Club Tenco e del Premio Recanati, trovandomi felicemente in quasi totale disaccordo con loro.

E ne discuto ogni volta che qualcuno mi dice di sé: “Io faccio canzone d’autore”. Bella scoperta, gli rispondo di solito: qualsiasi canzone è una canzone d’autore, perché è stata scritta da un autore. Il punto è che chi dice di sé “io faccio canzone d’autore” lo dice come se questo lo ponesse su un piano diverso e migliore rispetto agli altri, quelli che, poveretti, si limitano a scrivere canzoni e basta (belle o brutte che siano).

Alla definizione “canzone d’autore” ha dedicato una voce l’Enciclopedia Treccani, facendola scrivere a Roberto Vecchioni (la trovate qui); ma una definizione più semplice e breve l’ha data Giada Pizzolo, che scrive:

“La canzone d’autore non è semplicemente una canzone firmata, in quanto tutte lo sono, secondo il diritto d’autore. La parola ‘autore’ è intesa in senso forte, come elemento di distinzione e identità”.

In sostanza, nel linguaggio comune “canzone d’autore” è usato per riferirsi a una canzone “di qualità”, quindi aprioristicamente superiore a tutte le altre canzoni considerate commerciali o “leggere”, quindi di minore pregio.

Ed è questo che mi fa sempre incazzare. Quello che penso io è che, ammesso che possa aver senso la distinzione fra “canzone importante” e “canzone meno importante” – ma esistono canzoni sedicenti “d’autore” di nessuna importanza, e canzoni “non d’autore” estremamente importanti e significative – l’appartenenza all’una o all’altra categoria potrà essere stabilita solo a posteriori, e affidata al giudizio critico e popolare su quella determinata canzone. Non so: è come dire “io scrivo libri importanti” e dirselo da soli, prima ancora che qualcuno li abbia letti e valutati. E’ come volersi collocare, a proprio insindacabile giudizio, in una categoria superiore e più qualificata e qualificante rispetto agli altri che si limitano a scrivere canzoni (o “canzonette”: parola bellissima, che amo molto e che non considero per nulla riduttiva, anzi).

Nessuno considererebbe mai una canzone dei Pooh o una canzone di Umberto Tozzi come una “canzone d’autore”: eppure Roby Facchinetti e Valerio Negrini, oppure Giancarlo Bigazzi, sono e sono stati autori di grandissimo valore, mille volte superiori a tanti stronzetti anche famosi che scrivono canzoni noiose e presuntuose giustificando la loro esistenza con la (autodichiarata) appartenenza alla “canzone d’autore”.

Perché, diciamoci la verità: è molto, ma molto più difficile scrivere una bella canzone di musica leggera, che diventi popolare e piaccia alla gente e acquisti un’importanza che vada oltre il momento storico in cui ha avuto successo, che scrivere una qualsiasi puttanata noiosa e inascoltabile nascondendosi dietro l’alibi della “canzone d’autore”.

Scrivo questo a ragion veduta: ho appena finito di ascoltare 480 canzoni inedite, quelle candidate al mio concorso per autori “Genova per Voi”, e ho sentito, purtroppo, tanta roba brutta, roba che uno si domanda se chi l’ha scritta l’abbia mai riascoltata con un minimo di senso autocritico o se l’abbia mai fatta ascoltare a qualcuno che non siano i suoi genitori o la sua fidanzata.

Scrivere una canzone – e lo dico a cuor leggero, non essendone io capace – è un lavoro difficile, impegnativo, anche rischioso, e non è certo alla portata di tutti. Eppure c’è in giro tanta gente che non solo è convinta di saper scrivere canzoni, ma che oltretutto dice di sé “io scrivo canzoni d’autore”. Ma mi faccia il piacere, commentava Totò.

C’è in giro gente che è convinta che trattare in una canzone un argomento “importante” – l’immigrazione, la violenza sulle donne, i diritti degli omosessuali, i morti sul lavoro, ditene voi un altro qualsiasi – sia già sufficiente per essere considerato un autore di canzoni d’autore. E così siamo ammorbati da canzoni brutte, insipide e presuntuose che cercano autogiustificazione alla loro esistenza nel fatto stesso che trattano (male, oltretutto) un tema sociale o d’attualità. E se spieghi ai loro autori che la loro canzone avrà anche un tema importante, ma resta una brutta canzone, se la prendono a male e si offendono e ti danno del qualunquista disimpegnato. Allora provo a spiegargli che diffido pregiudizialmente di chiunque cerchi di acquistare credibilità con l’espediente di trattare un argomento “forte”, e, ancora di più, che credo che il testo di una canzone – di una “bella” canzone – non debba mai essere didascalico o moralistico.

Per dire: penso che all’accettazione dell’omosessualità abbia giovato molto più il testo di “Pierre” dei Pooh, scritto da Valerio Negrini, che qualsiasi testo di canzone “d’autore” sullo stesso tema uscita nei quarant’anni passati a oggi dall’uscita di “Pierre”. Andate a leggere il testo di “L’amore merita”, scritto da Simonetta Spiri con Luca Sala, uno degli autori di “Non è l’inferno” di Emma, e con Marco Rettani, autore del romanzo “Non lasciarmi mai sola”. Questa è quella che io considero una canzone strumentale, d’occasione, scritta per far parlare di sé (e infatti, guarda caso, è stata pubblicata e pubblicizzata in concomitanza del decimo anniversario di una help line per gay): un perfetto esempio di quel che scrivevo poc’anzi, di tentativo di autolegittimazione di una canzone ricercato attraverso una rivendicazione di “importanza” del testo. Se c’è bisogno di annunciarlo, di cosa tratta una canzone, vuol dire, semplicemente, che quel testo non è sufficientemente valido. E infatti quello di “L’amore merita” è un testo pasticciato, confuso, sloganistico.

Come purtroppo, e concludo, lo sono molti testi della sedicente “canzone d’autore” italiana. Questo, almeno, è il mio parere. E il vostro?

Franco Zanetti

http://www.rockol.it/news-660257/canzone-d-autore-truffa-polemica

Pubblicato in News | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

‘Anfiteatro estate’, Max Giusti sul palco

Con ‘Pezzi da 90’, porterà a Terni i suoi personaggi più famosi, da Lotito a De Gregori

13 Lug 2016 08:03

 

Dopo l’omaggio alla lingua e alla poesia romana di Giorgio Tirabassi, appuntamento con le risate all’Anfiteatro romano di Terni. Mercoledì 13 luglio, infatti, sarà la volta di Max Giusti che porterà in scena ‘Pezzi da 90’.

Lo spettacolo vedrà avvicendarsi i personaggi più famosi interpretati dal comico romano. Nessuna scaletta, nessuna certezza sulle imitazioni che proporrà Max Giusti, anche se è molto probabile che sul palco appariranno ‘Pezzi da 90’ come Don Matteo, Elton John, Maria De Filippi, un inedito Francesco De Gregori e il sempreverde Claudio Lotito che racconterà tutti i retroscena dell’affaire Bielsa e, ancora, un ospite internazionale innamorato dell’Italia.

Le interpretazioni Non mancheranno le sue interpretazioni tratte dall’ultima edizione di ‘Tale e quale’ su Rai1, come Boy George, Umberto Tozzi, Franco Califano e Pierangelo Bertoli. Faranno capolino sul palco anche variopinti e multietnici personaggi che sono riusciti a trovare lavoro in Italia: un fruttivendolo egiziano e un prete africano di provincia. Ad accompagnare Max Giusti la ‘SuperMax band’ e lo storico dj delle notti romane Paolo Pompei.

‘Anfiteatro estate’, Max Giusti sul palco

 

Pubblicato in News | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

il 16 luglio concerto di Umberto Tozzi a Haberkasten-Innenhof (GERMANIA)

Pubblicato in News | Lascia un commento

“Il Meglio di – Grandi Successi”

Da oggi la collana “Il Meglio di – Grandi Successi” sarà anche in formato fisico! È fissata per venerdì 8 luglio, infatti, la pubblicazione di dieci raccolte monografiche dedicate a nomi del calibro di Umberto Tozzi, Fausto Leali, Rettore, Riccardo Fogli e molti altri. Ogni album è disponibile come doppio cd in una speciale confezione dal design accattivante ed elegante: l’occasione perfetta per soddisfare la vostra sete di grande musica italiana!

Potrete trovare tutta la collana “Il Meglio di – Grandi Successi” nei migliori negozi di disci, su Amazon.it e sul sito MusicFirst a questo indirizzo: http://bit.ly/29hnOZp
Buon ascolto!

http://musicfirst.it/it/pop-italiano/39732-umberto-tozzi-il-meglio-di-umberto-tozzi—grandi-successi-2cd-8044291071624.html

IL MEGLIO DI UMBERTO TOZZI - I GRANDI SUCCESSI - 2 CD

 

IL MEGLIO DI UMBERTO TOZZI – I GRANDI SUCCESSI – 2 CD

La raccolta definitiva che raccoglie i maggiori e migliori successi di Umberto Tozzi!

30 canzoni in un doppio CD a prezzo imperdibile! 

TRACK LIST

CD 1 CD 2
01 Gloria 01 Gli Altri Siamo Noi
02 Stella Stai 02 Si Può Dare Di Più
03 Notte Rosa 03 Tu
04 Se Tu Non Fossi Qui 04 Eva
05 Ti Amo 05 A Cosa Servono Le Mani – Live
06 Invisibile 06 Gente Di Mare
07 Gli Innamorati – Live 07 Petite Marie (Stella D’amore)
08 L’amore È Quando Non C’è Più 08 Perdendo Anna – Live
09 Io Muoio Di Te 09 Immensamente
10 Forse Credo In Dio 10 Un Corpo E Un’anima – Live
11 Anche Se Tu Non Vuoi 11 Al Sud
12 Lei – Live 12 Io Camminerò
13 Cerco Ancora Te 13 Donna Amante Mia
14 Se Non Avessi Te 14 Il Grido
15 Quasi Quasi 15 Un Fiume Dentro Il Mare
Pubblicato in News | Lascia un commento

Applausi a Cospea per Umberto Tozzi

Tozzi

Da ‘Ti amo’ a ‘Notte Rosa’ passando per ‘Gloria’ e ‘Gli altri siamo noi’. Il coro del numeroso e allegro pubblico presente ha accompagnato tutti i più grandi successi di Umberto Tozzi che si è esibito in concerto al centro commerciale Cospea di Terni, domenica 3 luglio, in occasione del 22esimo compleanno della struttura. “Le canzoni del grande artista italiano – ha commentato Luisella Merli, direttrice del Cospea – hanno ‘catturato’ e trascinato le centinaia di persone intervenute alla festa, grandi e piccoli, con un’onda umana che si muoveva al ritmo di musica”.

Per celebrare al meglio la ricorrenza, il centro commerciale ternano è rimasto aperto per tutta la giornata di domenica, fino alle 23, dando modo alla clientela di approfittare dell’inizio dei saldi estivi. Ad allietare i festeggiamenti anche una grigliata di carne offerta a tutti gli intervenuti in attesa del live di Tozzi. “Musica, luci, balli e tantissimo entusiasmo hanno caratterizzato il concerto – ha aggiunto Merli –. Un vero e proprio show estivo sotto le stelle con un cantante del livello di Umberto Tozzi che proprio quest’anno festeggia 40 anni di carriera”. Il compleanno si è chiuso, quindi, con uno spettacolo di fontane danzanti. “La simbiosi tra musica e acqua – ha raccontato la direttrice –, con il suo spettacolo suggestivo ed emozionante, ha incantato e meravigliato tutti i presenti. Questo è il regalo che abbiamo voluto fare ai nostri clienti quest’anno. L’appuntamento è ora per la prossima estate con sempre nuove sorprese”.

by http://corrieredellumbria.corr.it/gallery/terni/226675/applausi-a-cospea-per-umberto-tozzi.html

Pubblicato in News | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

anni 70, Umberto Tozzi -Dimentica Dimentica

dimentica dimentica testo cover tozzi

 

Dimentica dimentica – Umberto Tozzi


Come mi è fatto giustamente fatto notare dagli amici di TuttoSuTozzifino ad oggi non avevamo ancora pubblicato nulla di Umberto Tozzi.

Nessuna svista e nessuna dimenticanza, ma solo la difficoltà di scegliere una canzone che fosse rappresentativa della sua carriera e della sua voce, ma che non fosse scontata o troppo famosa.

Si stima che Tozzi abbia venduto qualcosa come 80 milioni di dischi (!), la sua Gloria è stato un successo internazionale strepitoso ed  è probabilmente l’artista italiano più rappresentativo all’estero a cavallo degli anni ’80.

Eppure per me Umberto Tozzi è qualcosa di profondamente intimo:  per me è il mare verso l’imbrunire, con le cuffie nelle orecchie ed un’adolescenza che si affacciava appena. Le sue canzoni, soprattutto Dimentica dimentica, ma anche Tu sei di me, Notte rosa,  Eva, Qualcosa qualcuno mi hanno raccontato l’amore prima che sapessi cos’era.

A volte lo ascoltavo da sola, più spesso con Lisa, amica inseparabile di quelle estati, con cui ho  condiviso walkman e risate, e pianti a dirotto, e lettere interminabili.

Credo di aver consumato tutta la mia dose di romanticismo in quelle ore, intorno ai tredici o quattordici anni, seduta sulla sabbia di fronte alle onde, quando finalmente la spiaggia si svuotava, immersa nell’ascolto. In particolare questa è sempre stata la mia canzone preferita, struggente e rassegnata, questa musica in attesa, il piano che aspetta la voce come se trattenesse il respiro…

 

Sito ufficiale:

Pubblicato in News | Lascia un commento