FESTIVAL DI CASTROCARO: INTERVISTA AI WATT (VINCITORI), FELLOW (PREMIO SIAE) E AL SINDACO DI CASTROCARO

Non hanno ancora rilasciato interviste e siamo noi di BubinoBlog, per primi, ad ospitare insieme i Watt, vincitori della 63° edizione del Festival di Castrocaro, Fellow, vincitore del Premio Siae, e Marianna Tonellato, sindaco di Castrocaro.

WATT, i vincitori del Festival di Castrocaro

Congratulazioni per la vittoria a Castrocaro, il padre dei talent. Come avete vissuto questa avventura speciale?

È stata una grandissima emozione, è la prima volta che suoniamo in un programma televisivo, abbiamo dato il massimo e ci siamo divertiti come sempre. Non possiamo nascondere l’ansia assurda che provavano nel backstage che si è trasformata in adrenalina appena si sono accesi i riflettori.

Siete giovanissimi ma già dal 2013 suonate insieme. E ora dall’oratorio dove avete mosso i primi passi andrete di diritto alle audizioni delle nuove proposte di Sanremo. Vi aspettavate tutto questo?

Non ce lo aspettavamo per niente, ma siamo pronti a fare questo grande passo e siamo grati a tutti coloro che ce l’hanno permesso e a quelli che hanno creduto in noi.

Come è nata la vostra partecipazione a Castrocaro? Avete già provato a partecipare ad altri talent in questi anni?

Durante il lockdown, come tutti, sognavamo il momento in cui saremmo tornati a vivere normalmente e soprattutto a fare musica. Appena abbiamo scoperto che il Festival di Castrocaro avrebbe fatto le selezioni online, ci siamo iscritti al volo. Come abbiamo detto prima, è la prima volta che partecipiamo ad un concorso così importante ed è stata anche la prima volta che ci abbiamo provato.

E i Watt cosa ascoltano in particolare? Quali sono i vostri miti musicali di ieri e di oggi, italiani e stranieri?

Ci siamo conosciuti in un momento in cui ascoltavamo tutti musica diversa, e in realtà è ancora così, ma possiamo dire che l’artista che ci mette tutti d’accordo è Caparezza. Per il resto ci lasciamo influenzare da qualunque artista, da Bruce Springsteen a Ernia, dai Pooh a Dua Lipa.

FELLOW, il vincitore del Premio Siae

Ciao Federico e complimenti per il premio Siae di Castrocaro. Emozionato?

Ciao!! Grazie davvero. Sì assolutamente, direi che ciò che provo è più un turbinio di emozioni: è stata una settimana di preparazione pazzesca, la puntata è andata alla grande e su Instagram sto ricevendo letteralmente centinaia di messaggi da parte di persone di tutte le età, tutto ciò è stupendo.

Il tuo genere è legato al mondo del jazz, anzi funky jazz. Come è nata la tua passione per la musica? Ho letto che hai iniziato con la band di tuo nonno…

Yass! Sono salito sul palco per la prima volta con la band di mio nonno. Loro suonavano i Dik Dik, gli Equipe 84… io avevo dieci anni e provavo ad inserirmi con brani di Umberto Tozzi post 2000. Credo di aver realizzato in quel momento che non avrei più potuto fare a meno della musica.

E ora i tuoi progetti quali sono? Un disco, un talent, tentare le audizioni di Sanremo o…?

Sto lavorando con un team pazzesco e intanto mi alleno a scrivere canzoni in italiano. Mi piacerebbe presentarmi a Sanremo Giovani ma non so ancora con certezza cosa succederà: vi aggiornerò volentieri!


Ai Watt, a Fellow e a tutti i ragazzi che hanno partecipato a Castrocaro va un grande “In bocca al lupo!” da parte dello staff e dei lettori di BubinoBlog.

leggi l’intero articolo su:

FESTIVAL DI CASTROCARO: INTERVISTA AI WATT (VINCITORI), FELLOW (PREMIO SIAE) E AL SINDACO DI CASTROCARO

Un pensiero su “FESTIVAL DI CASTROCARO: INTERVISTA AI WATT (VINCITORI), FELLOW (PREMIO SIAE) E AL SINDACO DI CASTROCARO

  1. VITO

    Pensare che nel 1964 esattamente la serata del 10 ottobre, questa manifestazione canora la vinse il nostro carissimo Franco con la canzone “Due case, due finestre” (sua canzone d’esordio) e grazie a questa vittoria, partecipò di diritto al Festival di Sanremo dell’anno seguente alla quale kermesse partecipò con la canzone “Non a caso il destino ci ha fatto incontrare” che nel tempo ha avuto non poche cover anche di grandi cantanti dell’epoca fra cui Luciano Tajoli fra i più importanti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.