“A Cento mi sento a casa” Tozzi ringrazia dopo il live

Il cantautore: “Vengo spesso a registrare in città, e il batterista che è con me da 20 anni vive qui. La musica oggi? Gli artisti non hanno più ct come Mancini”

Umberto Tozzi durante il concerto live in piazza Guercino a Cento
Umberto Tozzi durante il concerto live in piazza Guercino a Cento

Grande successo domenica per il concerto di Umberto Tozzi alla ‘Festa di fine estate’ organizzata da Ivano e Riccardo Manservisi, che ha visto piazza Guercino gremita cantare i suoi successi ma anche canzoni meno conosciute. In scaletta, infatti, delle vere chicche che ha eseguito alla chitarra o al pianoforte, in un live acustico che ha visto Tozzi reincontrare il pubblico dopo le chiusure della pandemia e terminato a Cento. Da ‘Gloria’ a ‘Ti amo’, la platea si è illuminata di cellulari, passando per ‘Gente di mare’ e ‘Notte rosa’ senza dimenticare ‘Gli altri siamo noi’ e ‘Si può dare di più’ è stato un viaggio nella bella musica italiana, firmata da un icona mondiale che con Cento, peraltro ha un forte legame. “Quanto torno a Cento è un po’ come ritornare a casa – ci ha detto l’indomani del concerto – Ho molti amici che mi sono fatto negli anni. Vengo spesso e con piacere a registrare i miei lavori presso l’Overstudio di Raul Girotti e, inoltre il mio batterista, che lavora con me da più di 20 anni, abita proprio a Cento, il grande Ricky Roma”. Attesissimo, non ha potuto esibirsi a causa della scelta del live in acustico al quale Tozzi ha voluto però mandare un saluto.”Anche a Cento il pubblico mi ha regalato emozioni indescrivibili – ha detto – sono davvero felice di esser tornato sul palco dopo il lungo periodo di stop che ci è stato imposto a causa della pandemia . Spero che la musica non si fermi più. Ho sentito un pubblico entusiasta cantare ogni canzone , ne sono riconoscente”. Occasione anche per curiosare nel futuro “Sto lavorando al mio nuovo album, non so quando uscirà, ma nel frattempo continuo a scrivere. Ci sono molti progetti importanti che presto verranno annunciati – ha proseguito Tozzi – Il mio sogno da realizzare? Sono davvero un uomo fortunato , con una famiglia bellissima e sinceramente la mia famiglia è il sogno dal quale non voglio più svegliarmi”. E la curiosità è anche sapere cosa ne pensa della musica di oggi. “Ci sono molte cose interessanti e che apprezzo, ma tante altre che non riesco ancora capire – ha spiegato – Sicuramente ho avuto la fortuna di vivere un periodo storico irripetibile dove ogni mese uscivano delle opere straordinarie. Ora è più difficile, mancano i professionisti discografici e gli artisti di oggi non dispongono più di allenatori come il ct della nazionale Mancini”.

Laura Guerra

https://www.ilrestodelcarlino.it/ferrara/cronaca/a-cento-mi-sento-a-casa-tozzi-ringrazia-dopo-il-live-1.6825643?fbclid=IwAR32Q2HWoGfZi3I1_0TYffPeCyGTRaEFS5rl32sQZo8KDCozQT1JzMk65v8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.