Il 1977, la musica italiana e la ‘Zerofobia’

Il 1977 è l’anno in cui si afferma Renato Zero con canzoni come “Mi vendo” e “Il cielo”.

APPROFONDISCI:   Scheda artista Tour&Concerti Testi

Il 1977, la musica italiana e la 'Zerofobia'
Riproduci Renato Zerosu Amazon Music Unlimited (ad)

Articolo di Paolo Panzeri

Nella giornata di oggi Renato Fiacchini, meglio conosciuto con il nome d’arte di Renato Zero, festeggia i settanta anni e li festeggia come meglio non potrebbe. Proprio oggi, infatti, pubblica il primo capitolo di una trilogia intitolata ‘Zerosettanta’ (leggi qui la nostra recensione) che avrà le sue prossime appendici il 30 ottobre e il 30 novembre. Renato ha un ruolino di marcia artistico-lavorativo del tutto invidiabile, ha infatti, per cinque decenni, conquistato la posizione numero uno nella classifica di vendita. Tra i traguardi che lo attendono nel nuovo decennio, seppur, forse, di un’importanza relativa, anche quello di essere numero in sei decenni.Cd RENATO ZERO – Zerosettanta Vol.3 (Masterbook Box Con Alloggio per 3 Cd)19.99 EURAcquistalo suhttps://www.youtube.com/embed/orC7ZcWulXY?enablejsapi=1&origin=https%3A%2F%2Fwww.rockol.it&widgetid=1

La carriera discografica del cantautore romano ha inizio – intendendo con gli album – nel 1973 con “No! Mamma no!” seguito, l’anno successivo, da “Invenzioni”. La terza prova, “Trapezio” (leggi qui la recensione), è quella che, dopo anni di gavetta, gli spalanca le porte della notorietà. Nel 1977, con il suo quarto disco, “Zerofobia”, i tempi sono finalmente maturi per conoscere da vicino un successo che, da lì in poi, non lo ha più abbandonato. Canzoni quali “Il cielo”, “Mi vendo”, “Morire qui”, “Sgualdrina” che è la cover italiana di “Dreamer” della band inglese dei Supertramp, formano lo scheletro del disco e sono ancora oggi tra le canzoni più amate dai fan.https://www.youtube.com/embed/IKCIu7rb5eQ?enablejsapi=1&origin=https%3A%2F%2Fwww.rockol.it&widgetid=2https://www.youtube.com/embed/JnjnVvOB7X4?enablejsapi=1&origin=https%3A%2F%2Fwww.rockol.it&widgetid=4

Il 1977, l’anno in cui esplode – nel senso positivo del termine – Renato Zero è associato nel campo musicale alla affermazione del movimento punk in Gran Bretagna, mentre in casa nostra purtroppo si era nel pieno degli anni di piombo. E se oggi negli Stati Uniti si è in attesa di conoscere quale sarà, tra poco più di un mese, il prossimo presidente, nel 1977 si insediò alla Casa Bianca Jimmy Carter. A New York viene aperto il tempio della ‘disco music’, lo Studio 54, ed è indubbio che echi delle sonorità ‘disco’ si ritrovano anche in “Zerofobia”.https://www.youtube.com/embed/Ehss84QOGu0?enablejsapi=1&origin=https%3A%2F%2Fwww.rockol.it&widgetid=6

In Italia quell’anno Lucio Battisti pubblica l’album “Io tu noi tutti” con il singolo “Amarsi un po’/Sì viaggiare” che si distingue come il più venduto di tutti. Il cantautore napoletano Pino Daniele debutta con “Terra mia”, esce inoltre il settimo album di Lucio Dalla “Com’è profondo il mare”, Claudio Baglioni con “Solo”, ed è anche l’anno di “E’ nell’aria…ti amo” di Umberto Tozzi. C’erano anche i Pooh di “Rotolando respirando” e del singolo “Dammi solo un minuto” e “La pulce d’acqua” di Angelo Branduardi. Il disco più venduto nel nostro paese nel 1977 fu “Burattino senza fili”, concept ispirato al Pinocchio di Carlo Collodi, di Edoardo Bennato. Tra tutte queste uscite si fece onore “Zerofobia” che raggiunse, al suo massimo, il quinto posto della classifica di vendita. La via era tracciata, nel 1978 Renato Zero pubblicò “Zerolandia” ed allargò ulteriormente il numero dei suoi tifosi.https://www.youtube.com/embed/Wb5pqNIDcaM?enablejsapi=1&origin=https%3A%2F%2Fwww.rockol.it&widgetid=8

Riproduci Renato Zerosu Amazon Music Unlimited (ad)

by: https://www.rockol.it/news-717192/renato-zero-70-anni-perche-merita-rispetto-polemica-achille-lauro?refresh_ce

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.